Ciao Carlo, ho appena finito di leggere il tuo romanzo "Il Falsario di Reliquie" che ha vinto l'edizione 2015 del difficilissimo torneo Ioscrittore (https://www.ioscrittore.it/ Il che prevede che gli stessi autori leggano e giudichino dieci fra le altre opere in concorso. Vincitore assoluto, hai sbaragliato quasi 4.000 concorrenti. Il tuo è un romanzo che si inserisce in un filone classico, il giallo storico, ma, allo stesso tempo, ha una serie di caratteristiche originali: basato su eventi accaduti realmente, la scrittura volutamente moderna, l'accuratezza della lingua e della ricerca. Tra le righe, poi, si legge una rilettura critica della storia e della contemporaneità. Sono andata troppo oltre?

 

dropdown
LOGOPNG

facebook
twitter
linkedin
instagram

Il Fattore Umano

Il Fattore Umano


facebook
twitter
linkedin
instagram

Powered by Sinecotec Srl -© 2019 Il Fattore Umano. All Rights Reserved - Privacy Policy - FAQ

application-3426397340

​Smart Working

 

LO SMART WORKING COME STRUMENTO PER IL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO:

CARATTERISTICHE, SFIDE E PROSPETTIVE

 

DATA E ORA

 

20 - 21 Maggio 2019

9.30 - 19.30 CET

 

LOCALITÀ

 

SNA

 Via Maresciallo Caviglia, 24

00135 - Roma

OBIETTIVI E METODOLOGIA 

 

La legge 124/2015 ha previsto, nel quadro delle iniziative volte alla promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, la sperimentazione, nella PA, di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa. L’obiettivo è di introdurre il “lavoro agile” (o smart working): una modalità flessibile di lavoro cui potranno accedere, entro tre anni, il 10% dei dipendenti, su base volontaria, attraverso la diffusione della conoscenza delle disposizioni normative e di quelle tecnico-organizzative per la gestione del “lavoro agile”.
Il conseguimento dei risultati attesi dall’introduzione di forme di “lavoro agile” richiede lo sviluppo di nuovi strumenti organizzativo-gestionali e, in particolare, lo sviluppo di nuovi stili manageriali che, da un lato, incoraggino i dipendenti a lavorare secondo modalità caratterizzate da una maggiore flessibilità e autonomia; dall’altro, prevedano nuove

forme di indirizzo e coordinamento, verifica e controllo dei risultati. Tenuto conto che l’introduzione di forme di “lavoro agile” costituisce una vera e propria iniziativa di change management, è necessaria una specifica attività di comunicazione e formazione,

ad ampia diffusione e a tutti i livelli, su obiettivi e risultati attesi. 
All’interno del quadro delineato, il corso rappresenta un valido strumento

di conoscenza dei nuovi strumenti di “lavoro agile” e utile per approcciare tematiche trasversali quali quelle connesse al work-life balance, al benessere aziendale, al diversity management, all’ICT e alla promozione delle potenzialità delle nuove tecnologie.

 

PRINCIPALI TEMI

 

 

  • Presentazione del quadro normativo
  • Cambiamento culturale, individuale e collettivo, alla base dello sviluppo di strumenti di “lavoro agile”
  • Plusvalore del “lavoro agile” in termini assoluti per l’organizzazione e sul piano del benessere individuale
  • Analisi dei benefici e delle opportunità derivanti dall’introduzione di strumenti di “lavoro agile”
  • Principali strumenti necessari all’introduzione e all’impiego di modalità di “lavoro agile” all’interno delle Amministrazioni
  • Buone pratiche consolidate in ambito privato e pubblico

 

 

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CLICCARE SUL PULSANTE

Create a website